Strozzapreti in salsa di vongole, gamberetti e zucchine

Share Button
Strozzapreti in salsa di vongole, gamberetti e zucchine

Gli strozzapreti sono un tipo di pasta tipica romagnola. Nascono come pasta povera, fatta di ingredienti semplici, ma richiedono una certa manualità.
Ci sono varie leggende circa il nome che viene dato a questa pasta, ma la più divertente dice che le donne offrissero questo piatto al prete del paese, mentre i mariti, anticlericali, auguravano all’ospite di strozzarsi, mentre si abbuffava.
Anche per questo piatto devo dire grazie alla mamma del mio Amore, Anna, che mi insegna sempre tante cose nuove sulla cucina romagnola.
Ecco la ricetta.

Ingredienti:
_______________________________________________________________
strozzapreti
  • 1 Kg di farina 00 
  • 3-4 dl d’acqua calda
  • sale
  • un pizzico di noce moscata
  • un pugnetto di pangrattato facoltativo
salsa
  • 500 g di vongole
  • 300 g di gamberetti
  • 300 g di zucchine
  • 1 tazzina di brandy
  • 1 scalogno
  • olio d’oliva 
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • peperoncino
  • sale
Preparazione:
Preparate gli STROZZAPRETI FATTI IN CASA: per la VIDEORICETTA CLICCATE QUI!
Ponete gli strozzapreti ottenuti su un vassoio infarinato e fate riposare 1 oretta.

Nel frattempo preparate la salsa d’accompagnamento.
Lavate le vongole, mettetele in una padella antiaderente e lasciatele aprire a fiamma viva. Staccate i molluschi dai gusci e metteteli in una terrina.
Nella stessa padella fate soffriggere aglio e scalogno tritato con un filo d’olio d’oliva, unite le zucchine tagliate a piccoli pezzi, i gamberetti sgusciati e le vongole. Sfumate con il brandy, aggiungete sale e peperoncino. Fate cuocere per qualche minuto.
Versate gli strozzapreti, cotti in acqua salata, nella salsa d’accompagnamento e mantecateli con del prezzemolo fresco tritato. Servite in tavola.

Strozzapreti in salsa di vongole, gamberetti e zucchine

Salva

Salva

Salva

Salva

Share Button

Comments

  1. Anonymous says

    che spettacolo..davvero brava claudia annie—ma da quanti anni sei cucinare ..io abbia speranza??io da 2 anni mi dileto..ciao RASHA

  2. says

    gli strozzapreti sono strabuoni, anche io conosco la loro storia nella versione che hai dato tu.. buffa!!! ottimo il tuo sugo!!! un bacione

  3. says

    Noooo questi non me li voglio perdere! Io da romagnola di pura razza (che culo eh?) non ho mai osato fare gli strozzapreti in casa, ma ti giuro che il sughetto che hai studiato mi sta dando la voglia di provare!

  4. says

    Che golosità questo piatto di pasta: personalmente mi ci fionderei anche a quest’ora della giornata!
    Sono giorni però che volevo passare da te anche per dirti che finalmente, in casa nostra, sulla scorta dei tuoi suggerimenti (la stampata di quel tuo post dedicato è appesa, da circa un mesetto sul frigorifero in bella vista tanto da essere diventata ormai un pezzo d’arredamento!) è nato Shrek: il nostro lievito madre!!
    Mi sembrava giusto comunicartelo visto l’annuncio che ti avevo fatto all’epoca sull’intenzione di cimentarmi presto.
    In realtà non sono stata io a farlo ma mio marito che forse ti scriverà per chiederti alcuni consigli.
    Ma ci tenevo a ringraziarti perchè mi pare proprio una bella esperienza!!!
    (ieri siamo arrivati alla fase del frigorifero e dei rinfreschi una volta a settimana).
    Tanti bacioni, buona giornata!

  5. says

    una foto che si commenta da sè…fa venir voglia di metterci dentro la forchetta!
    Sai che gli strozzapreti li ho mangiati forse solo una volta nella vita?!

  6. says

    che bontà! pasta alle vongole è il mio piatto preferito e condita cosi, con i gamberetti (che amo!) ed i zucchini (la mia verdura preferita dopo le patate!) deve essere una BONTA’ assoluta.
    Stampo la ricetta e spero di farla una domenica ^_^
    intanto grazie cara!
    vaty

  7. says

    Lo so bene che gli strozzapreti sono tipici romagnoli 😉 mamma quanto sono buoni!!
    non sono mai riuscita a farli buoni come quelli di mia nonna, lei era una maga, in due minuti ti faceva montagne di strozzapreti.

Commenta anche tu

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.