Focaccia Pugliese al pomodoro alta e soffice | ricetta originale

Share Button

Vera Focaccia Pugliese al pomodoro alta e soffice

La Vera Focaccia Pugliese al pomodoro alta e soffice è uno dei prodotti che più rappresentano l’arte culinaria pugliese, nonché uno dei miei piatti preferiti. La sua morbidezza ed il suo sapore tipico necessitano di una preparazione precisa e rigorosa e perciò questa prelibatezza è frutto di una lunga ricerca tra le cucine delle donne baresi di una volta, per realizzare la vera focaccia, chiamata in dialetto “fcazz”.
Questa è la ricetta originale. Diffidate dalle imitazioni!

Ingredienti

  • 200 g di farina 00
  • 100 g di semola rimacinata di grano duro
  • 1 patata lessa media
  • 1/2 cubetto di lievito di birra fresco
  • 250 ml d’ acqua tiepida
  • olio d’oliva
  • 20 pomodori Pachino
  • 1 cucchiaio di sale grosso
  • 1 cucchiaino abbondante di sale fino
  • 1 pizzico di zucchero per facilitare la lievitazione

Istruzioni

  1. mescolate le due farine setacciate, aggiungete la patata lessa raffreddata e schiacciata, l’olio, una puntina di zucchero con il lievito sbriciolato e sciolto in poca acqua tiepida e solo alla fine il sale; aggiungete l’acqua poco alla volta, mescolate energicamente a lungo per rendere elastica la pasta; oleate la palla di impasto ottenuta, mettetela in una ciotola grande anch’essa oleata e lasciatela riposare per 1 ora coperta in forno spento.
  2. Dopo il riposo riprendetela, mettetela in una teglia oleata e stendetela con le mani senza schiacciarla troppo (per evitare di sgonfiarla). Ponete sulla superficie dell’impasto i pomodorini tagliati a metà col dorso in su e spennellatela con l’emulsione di sale grosso+olio+origano+pepe+acqua. Rimettetela in forno spento e fatela riposare ancora 30 minuti.
  3. Tiratela fuori, preriscaldate il forno e cuocetela per 20 minuti a 220°.
    Vera Focaccia Pugliese al pomodoro alta e  soffice

    Vera Focaccia Pugliese al pomodoro alta e soffice

Salva

Share Button

Comments

  1. says

    Ciao Claudia Annie, sono rimasta ammaliata dalla tua focaccia e l’ho voluta replicare, ma ho riscontrato qualche problema nella lavorazione, ho ottenuto un composto cremoso, per niente lavorabile a mano. Sembra quasi che ci sia il doppio dell’acqua che la farina è in grado di assorbire..puoi controllare se le dosi sono giuste perchè io per ottenere un prodotto decente, a parità di acqua, ho dovuto usare almeno 250 gr. di farina in più. ti ringrazio, ciao
    Valeria

  2. says

    ciao!!!! grazie delle visite!! e grazie per aver scelto il mio blog per il mese di febbraio!ho inserito la coccarda e lo scriverò anche in un post!grazie ancora!!! buona serata!!

  3. says

    Che meraviglia questa focaccia! una mia amica salentina mi ha dato la ricetta di una focaccia tipica del Salento. Non ricordo bene come è fatta solo che ci sono un sacco di cipolle!! intanto mi gusto la tua! bravissima!!

  4. says

    cìera un amico di mio marito che tutte le volte che tornava da voi me ne portava una ed era succulenta se me la toccavano ero capace di uccidere!!! ahahaha me la copio e la provo al piu’ presto ^_^

  5. says

    Ho avuto la fortuna di assaggiarla in un mio viaggio in Puglia, a Molfetta precisamente, parecchi anni fa, appena presa dai tipici forni, ancora calda…è buonissima. Proverò a riprodurla .
    Ciao.

  6. says

    Che buona! Sai che anch’io la faccio con le stesse dosi? Però metto a lievitare solo nella teglia. Proverò la doppia lievitazione.
    A presto!

  7. says

    E’ evidente che io e te abbiamo le stesse origini… ogni volta che passo da te torno bambina, appollaiata su uno sgabello nella cucina di mia nonna, mentre lei crea meraviglie… Lei ne faceva anche una versione ripiena, che spero di postare presto!
    un abbraccio…

Commenta anche tu