GREEN MIND il cocktail estivo di tendenza

Share Button

GREEN MIND il cocktail estivo di tendenza

Le mode legate al bere vanno di stagione in stagione, come quelle degli abiti e degli accessori, si sa.
In più, per chi ama dissetarsi con i drink ad ogni occasione, l’estate fornisce spunti sempre nuovi per cocktail alla frutta, alcolici o analcolici, da abbinare con aperitivi nelle località di mare o montagna, nei locali di tendenza, per chi rimane in città o a casa sul terrazzo, anche tutte le sere.

Per l’estate 2017 un trend interessante è quello che vede ritornare in auge il Green Mind, un cocktail estivo da preparare con cura – per i più esperti con un kit da barman professionale che si può acquistare anche online, per i meno esperti, da ordinare al bancone, comodamente in attesa del proprio drink.

Ma per chi volesse cimentarsi nell’arte del bartending… Come si prepara?

La ricetta del Green Mind

Si tratta di una variante interessante del Midori Sour che contiene tequila, Cointreau, sciroppo di zucchero e succo di melone.

Come realizzare un Green Mind cocktail

Ingredienti

  • ½ once di tequila (4,5 cl)
  • ½ once di Cointreau (1,5 cl)
  • ½ once di Midori – liquore al melone (1,5 cl)
  • ½ once di succo di limone (2 cl)
  • ¼ once di sciroppo di zucchero
  • cubetti di ghiaccio

Agitare in uno shaker con tanto ghiaccio e servire – il Green Mind deve essere servito nella coppa cocktail o Margarita ben fredda e senza ghiaccio, attenzione!

Preparazione della sweet and lime

Un ingrediente è dato dalla cosiddetta miscela sweet and sour, molto utilizzata anche in cocktail come il Long Island e le sue varianti come il Miami Ice. È importante sapere che alcune scuole di bartending la utilizzano già pronta, per non incappare in un gusto che altera irrimediabilmente il cocktail.

La preparazione della sweet and sour, in questo caso, è consigliabile da fare ben prima miscelando 1/3 d’acqua, 1/3 di limone fresco filtrato e 1/3 di zucchero – nelle giuste proporzioni, per non incappare in drink molto aspri o molto dolci.

Come usare lo shaker per i cocktail

La maggior parte dei negozi di attrezzature per barman mette bene in evidenza questo strumento simbolo del mestiere – con i diversi tipi di shaker, che i professionisti sanno come utilizzare.
Per i principianti, però, spesso è considerato uno shaker solo quello “intero” ovvero detto shaker continentale che rappresenta un contenitore per mescolare gli ingredienti di un cocktail.

Ogni ricetta di cocktail, estivi o meno, presenta diverse dosi ma alla fin fine vanno tutte mescolate all’interno di uno shaker e coperte con il coperchio che sovrasta il filtro per gli eventuali residui.

Facile da usare, ti può essere utile per preparare i tuo cocktail come un vero esperto.

Versa gli ingredienti del Green Mind nel contenitore, aggiungi il ghiaccio fino a 2/3 del volume, metti il coperchio col filtro sul contenitore, chiudi bene e sei pronto per shakerare.

Lo shaker va tenuto in mano, sopra la spalla, da cui dovrai agitarlo finché l’acqua non sarà condensata sulla parete esterna a te visibile. A questo punto il cocktail è freddo e pronto: rimuovi il coperchio e versa il cocktail nel bicchiere, il filtro garantirà la massima fluidità!

Il Green Mind nella variante ancora più estiva

Per un drink ancora più estivo ovvero dissetante, esiste anche una variazione sulla ricetta del Green Mind, che vede entrare in gioco diversi succhi di frutta e rum!

  • 4,5 cl di rum
  • 2 cl di Triple Sec
  • a riempire in parti uguali succo d’ananas e succo d’arancia
  • un cucchiaino di crema di noce di cocco

Anche in questo caso tutti gli ingredienti vanno miscelati e agitati con ghiaccio nello shaker, un’attrezzatura per barman fondamentale per la preparazione. Vanno poi versati nel bicchiere, sempre con ghiaccio.

Forse sembra un mix estremo quello di tanti ingredienti messi insieme, ma c’è la possibilità che si amalgamino in modo creativo e gustoso…

Come abbinare il Green Mind

Ottimo per accompagnare sapori decisi, per un aperitivo a base di salumi o salse piccanti, il Green Mind è mediamente alcolico e può essere abbinato anche ad una cena come drink finale.

Questo accostamento è possibile dato che il succo di melone riesce a stemperare i gusti intensi di molti cibi, oppure amalgamarsi perfettamente con il pesce.

Non resta che augurare un’esperienza “3D” con un Drink Dissetante e Divertente!

Salva

Salva

Share Button

Commenta anche tu