Arancini di riso siciliani al ragù o arancine

Share Button
Arancini di riso siciliani al ragù o arancine
 
Gli Arancini di riso siciliani al ragù o arancine sono un piatto tipico della tradizione Siciliana, un delizioso street food oggi gustato anche in tante altre città italiane. 
Sono delle specialità di forma sferica (poco più piccoli delle arance) realizzati come piccoli timballi, perfetti sia come antipasto che come piatto unico. 
Ve ne sono infinite varianti, ma quelli che vi presento sono dei deliziosi arancini con ragù di carne e cuore di caciocavallo filante.
Vediamo come si preparano.

Ingredienti

  • 500 g riso arborio
  • olio d’oliva
  • 3 bicchieri brodo
  • 1 bustina zafferano
  • 100 g caciocavallo semistagionato
  • ragù di carne
  • 200 g farina 00
  • 200 Pecorino grattugiato
  • 4 uova
  • 200 g pangrattato
  • sale
  • pepe

Istruzioni

  1. Fate tostare il riso in una padella con dell’olio e versate poco alla volta il brodo caldo a cui avrete aggiunto una bustina di zafferano, fino a quando il riso non sarà cotto e asciutto. Quando il riso è pronto aggiungete il pecorino grattugiato ed un filo d’olio a crudo; mescolate e lasciate riposare.
  2. Nel frattempo preparate il ragù di carne: trovate la ricetta qui.
    Fate raffreddare bene il tutto.
  3. Prendete un pò di riso, ormai a temperatura ambiente, e stendetelo sulla mano; nella parte centrale inserite un ripieno di ragù ed un dado di caciocavallo; ricoprite poi con dell’altro riso e formate delle palline della dimensione di quelle da ping-pong. Bagnate leggermente i palmi delle mani per facilitare l’operazione, evitando così che il riso si attacchi ad essi.
  4. Passate gli arancini ottenuti nella farina, nelle uova sbattute e poi nel pangrattato: se volete avere una croccantezza maggiore ripassateli una seconda volta nelle uova e nel pangrattato. Friggete in abbondante olio d’oliva. Serviteli caldi.

Salva

Salva

Salva

Share Button

Comments

Commenta anche tu

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.