Cannoli siciliani con ricotta di pecora e pistacchi di Bronte

Cannoli siciliani con ricotta di pecora e pistacchi di Bronte
Aprivo la finestra sgangherata della mia camera ed un profumo di cannoli mi inebriava di prima mattina, in quella casetta di via Catania, proprio vicino alla pasticceria “Mizzica”, uno dei meravigliosi ricordi degli anni vissuti a Roma.
Quei pasticceri, quelle mani fatate, preparavano i cannoli proprio come si fa in Sicilia, con quelle cialde croccanti, quel ripieno e quei pistacchi che manderebbero in estasi anche il più scettico degli scettici.
I cannoli siciliani, sono tra i dolci che amo di più!
Li preparo sempre come mi è stato insegnato da una cara donna sicula d’altri tempi, con una ricetta tramandata da generazioni, con un ripieno di ricotta di pecora! Una vera goduria!
Provate per credere!
Ecco la ricetta. Seguitemi in cucina.
Cannoli siciliani con ricotta di pecora e pistacchi di Bronte
Ingredienti: 
-per le cialde
  • 120 g di farina ’00
  • 15 g di zucchero
  • 15 g strutto
  • ½ cucchiaino di cannella
  • ½ cucchiaino di cacao amaro
  • 1 bicchierino da liquore di vino moscato (o Marsala)
  • strutto
-per il ripieno 
300 g di ricotta di pecora
50 g di scorza di arancia candita
80 g di pistacchi di Bronte sgusciati
80 g di zucchero vanigliato
1 cucchiaio di liquore all’arancia
Cannoli siciliani con ricotta di pecora e pistacchi di Bronte
 
Preparazione:
Mescolate farina setacciata, cannella, cacao e zucchero, create una fontana e al centro mettete lo strutto e il vino moscato. Amalgamate bene e, su una superficie infarinata, lavorate l’impasto fino a formare una palla che metterete in frigo per trenta minuti.
Nel frattempo mescolate la ricotta di pecora con lo zucchero vanigliato fino ad ottenere una crema. Versate la crema in una ciotola ed unite qualche tocchetto di scorza d’arancia candita, i pistacchi tritati grossolanamente e il liquore all’arancia.
Stendete la sfoglia per le cialde e tagliatela in dischi, che successivamente avvolgerete intorno alle canne metalliche. Friggete i cannoli in una pentola con strutto e, una volta dorati, scolateli su carta assorbente. Raffreddati, sfilate le canne metalliche, e riempite le cialde con la farcitura. Decorate le estremità con i pistacchi tritati e cospargete, se volete, i cannoli con una spolverata di zucchero a velo.
Mi raccomando: riempite le cialde solo al momento di servirle e non prima, altrimenti le vostre cialde perderanno la loro croccantezza tipica.
Cannoli siciliani con ricotta di pecora e pistacchi di Bronte
 

Salva

Comments

  1. says

    eh vabbè dillo eh che oggi c’è l’hai con me 🙁 io adoro i cannoli siciliani, essendo siciliana, sono sempre stata attirata da questa prelibatezza, e lunedi inizio la dieta 🙁 e vengo qua puff un tonfo al cuore bravissima dalla foto sembra perfetta bravaaaa

  2. says

    I cannoli siciliani, quelli originali, gli ho assaggiati una sola volta, e nonostante siano passati diversi anni, il ricordo è ancora vivo dentro me 🙂 Questa versione è stupenda, complimenti!

  3. says

    Si presentano benissimo, da veri cannoli siciliani.. interessante la versione col tofu, anche se il cannolo è con la ricotta 🙂
    Da provare.. ne sono avanzati?
    Un bacione

  4. says

    Deliziosi questi cannoli e identici agli originali siciliani…anche io spesso li faccio perchè ne sono una grande mangiatrice! I tuoi sono veramente perfetti…bravissima! Bacione…

  5. says

    il tofu è davvero dietetico, che bella ricettina.
    Complimenti per il tuo blog e per la descrizione personale, allora ti piaceva sbirciare fin da piccola….eh!
    tanti bacini
    Elisa

  6. says

    mmmmmm che fame!! mi hai fatto tornare in mente la vacanza in sicilia di alcuni anni fa…che buoni i cannoli :))

    sai che ho fatto il tuo siro ai ceci, uvetta e pinoli? FAVOLOSOOOOO

  7. says

    i cambiamenti che hai fatto al blog sono deliziosi:)
    adoro i cannoli,per noi in famiglia farli e mangiarli è un rito al quale non si può rinunciare,non conoscevo questa versione è interessante,da provare:)buon lunedi!!!

  8. vincent says

    Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l’iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su “Inserisci il tuo blog – sito”
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

  9. says

    acoro anch’io i cannoli siciliani! e chi non potrebbe! 😛
    non conoscevo questa variante al tofu, spero di apprezzare presto
    buona settimana!

  10. says

    No ma che spettacolo: cannoli siciliani col tofu!!!! Non hai idea di quanto mi piacciano le interpretazioni “leggere” dei dolci tradizionali!!!!!! mi diverte un sacco sperimentare in questo senso e quindi: segno ed eseguo subito! Sono troppo curiosa e i cannoli mi piacciono troppo! Beh, sono anche golossissima di ricotta e specialmente di pecora, per la verità, ma questa versione la devo provare ASSOLUTAMENTE!
    Mizzica la conosco bene anche io: mio marito lavora proprio lì vicino e ogni tanto torna con qualche piccolo regalo goloso…altro che profumi e gioielli!!
    grazie della bella idea cara Claudia: bravissima!!!
    Baci

  11. says

    Non ho mai assaggiato un cannolo siciliano, perchè solo lì posso mangiare quello vero, giusto?!Comunque, visti gli ingredienti, credo che la versione originale mi possa piacere un sacco, ma dalla tua foto penso che non disdegnerei neppure la versione vegan! ^_^
    Bravissima, come sempre!
    ps.hai cambiato di nuovo vestitino?!Mi piace anche questo! ^_*

  12. says

    Ti confesso che con il tofu non ho proprio buon rapporto. Chissà…magari in versione dolce riesco a ricredermi. Il tuo cannolo sembra uscito da una pasticceria! Un bacio, buona settimana

Commenta anche tu

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.