Boeuf Bourguignon di Julia Child

Share Button
Boeuf Bourguignon di Julia Child

Inizialmente non ero troppo convinta di comprare i due volumi di ‘Mastering the art of french cooking’ di Julia Child.
E voi direte “E perchè mai?”
Perchè sicuramente la Child è una bravissima cuoca, simpatica, ma, nonostante il famoso film a lei dedicato mi sia piaciuto molto, il pensiero di una ricetta francese realizzata da una cuoca americana, soprattutto per noi italiani che abbiamo la Francia a due passi, non mi convinceva molto…
Poi mi sono documentata su internet e ho notato un particolare che poi è diventato il motivo per il quale ho scelto di acquistare i libri: la cura dei particolari.
Julia Child, nelle sue ricette, descrive dettagliatamente ogni singolo ingrediente, il tempo di cottura, i metodi, le dosi. Tutto perfettamente, così mi son detta “Infondo questa Child merita una lettura approfondita!”
Così ho comprato il libro e ho cominciato a spulciare.
La prima ricetta è stata la famosa “Reine de Saba”, torta golosissima e molto ben equilibrata negli ingredienti!
Ma la scommessa sarebbe stata per me misurarmi con il Boeuf Bourguignon, quello stufato che, soltanto a pronunciarlo, mi ha fatto affiorare alla mente ricordi di vecchie cocotte fumanti e profumi di antiche ricette, di cotture lente, di buoni prodotti della terra, quelli che contraddistinguevano la cucina della mia cara nonna Felicetta.
Non potevo non realizzare questa goduriosa ricetta della grande Julia Child!
Così mi sono messa subito al lavoro, in una bella giornata di sole, cominciando a tradurre la ricetta dall’inglese all’italiano.
Dal libro “Mastering the art of french cooking” di Julia Child, pag. 288…
“Come succede con i piatti famosi, ci sono diversi modi per fare un buon Boeuf Bourguignon.
Cotto bene e perfettamente aromatizzato è certamente uno dei piatti di carne più gustosi creati dall’uomo, e può anche essere il piatto principale per una cena a buffet. Per fortuna potete prepararlo in anticipo, anche il giorno prima e poi riscaldarlo: ci guadagna in sapore.
Seguite la ricetta.

Boeuf Bourguignon di Julia Child

Ingredienti per 6 persone

  • 160 gr. di pancetta

Togliete la cotenna e tagliate la pancetta a bastoncini. Cuocete la cotenna e la pancetta in 350 ml. di acqua per 10 minuti. Scolatele, asciugatele e tenetele da parte.
Riscaldate il forno a 230°.

  • 1 casseruola con coperchio da forno di circa 25 cm di diametro e alta circa 7 cm.
  • 1 cucchiao di olio di oliva
  • 1 mestolo forato

Rosolate la pancetta nell’olio a fuoco moderato per 2 o 3 minuti. Trasferitela con l’aiuto del mestolo forato in un piatto. Riportate la casseruola sul fuoco e riscaldate bene il grasso prima di rosolare il manzo.
1.4 kg. di polpa di manzo tagliata a cubetti di circa 7 cm.
Asciugate la carne con un tovagliolo di carta e rosolatela, pochi pezzi per volta, nell’olio e grasso della pancetta ben caldi facendo in modo che tutti i lati rimangano belli dorati. Scolateli e conservateli nel piatto assieme alla pancetta.

  • 1 carota a fette
  • 1 cipolla a fette
  • Nello stesso grasso dorate le verdure e poi scartate il grasso.
  • 1 cucchiaino di sale
  • ¼ di cucchiaino di pepe
  • 2 cucchiai di farina

Versate il manzo e pancetta nella casseruola e conditeli con sale e pepe. Cospargeteli con la farina e sistemate la casseruola senza il coperchio nella parte centrale del forno lasciandola per 4 minuti.Trascorso questo tempo, fuori dal forno, date una bella mescolata e infornate di nuovo per altri 4 minuti.

  • 750 ml. di vino rosso (Beaujolais, Cotes du Rhone o Bordeaux-St. Émilion o Borgogna o Chianti)
  • 500/750 ml. di brodo di manzo
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 2 spicchi di aglio schiacciati
  • 1/2 cucchiaino di timo
  • 1 foglio di alloro spezzettata
  • la cotenna bollita della pancetta

Versate il vino ed il brodo in modo che la carne ne venga ben ricoperta. Aggiungete il pomodoro concentrato, l’aglio, le erbe e la cotenna. Portare ad ebollizione a fuoco medio. Poi coprite la casseruola e infornatela sistemandola nel terzo scomparto inferiore del forno regolandone la temperatura in modo che il liquido sobbollisca piano piano per circa 2 ½, 3 ore.
La carne è pronta quando la forchetta vi penetra facilmente.

  • 18-24 cipolline
  • 1 cucchiaio e mezzo di burro non salato
  • 1/2 cucchiaio di olio d’oliva
  • 120 ml. di brodo di carne
  • sale e pepe macinato al momento
  • 1 foglia di alloro
  • 2 rametti di prezzemolo
  • 450 gr. di champignon  tagliati in quarti
  • 2 cucchiai di burro non salato
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva

Boeuf Bourguignon di Julia Child
Mentre la carne sta cuocendo nel forno, preparate le cipolline ed i funghi.
In una padella capiente riscaldate l’olio ed il burro e aggiungete le cipolline. Fatele saltare con delicatezza a fuoco medio per circa 10 minuti in modo che si dorino il più possibile uniformemente, senza rompersi.
Versate il brodo, condite a piacere, aggiungete le erbe e coprite. Fate cuocere per circa 40-50 minuti il tempo necesario a che le cipolle rimangano perfettamente tenere, conservando però la loro forma, ed il liquido è quasi del tutto evaporato. Rimuovete le erbe e tenete da parte le cipolline.

Per quanto riguarda i funghi riscaladate l’ olio ed il burro in una padella a fuoco vivace. Aggiungete i funghi e mescolateli muovendo la padella per circa 5 minuti. Appena risultano dorati, toglieteli dal fuoco e teneteli da parte fino al momento dell’uso.
Quando la carne è cotta, passate i suoi succhi di cottura attraverso un colino appoggiato su di una pentola. Pulite la casseruola con un panno pulito e rimetteteci la carne e la pancetta. Aggiungete infine le cipolline ed i funghi.

Sgrassate la salsa e fatela bollire per 1-2 minuti, togliendo l’ eventuale grasso che dovesse venire a galla. Dovreste ottenere circa 550-600 ml. di una salsa così densa da ricoprire perfettamente il dietro di un cucchiaio senza quasi scivolare. Se dovesse risultare ancora troppo liquida fatela addensare facendola bollire fino a che ha raggiunto la giusta consistenza. Se invece risultasse troppo densa, allungatela con il brodo. Condite a vostro piacimento. Versate la salsa sopra la carne e le verdure.

  • Prezzemolo

Se lo servite subito: coprite la casseruola e fate sobbollire per 2-3 minuti, bagnando di tanto in tanto la carne e i vegetali con la salsa.
Servite il boeuf bourguignon nella sua casseruola oppure trasferitelo in un vassoio accompagnandolo con patate lessate, pasta o riso bollito e decoratelo con il prezzemolo.
Se lo servite il giorno dopo: Fatelo raffreddare prima di metterlo in frigorifero. Mezzora prima di servirlo, riscaldatelo sul fuoco portandolo a bollore e poi incoperchiando la casseruola e facendolo cuocere piano piano per circa 10 minuti, bagnandolo di tanto in tanto con la sua salsa.”

Il Boeuf Bouruignon è lo stufato più buono che io abbia mai mangiato.
Io e il mio Amore abbiamo accompagnato il sughetto con una baguette calda.
Eravamo entrambi estasiati!!!
Chi volesse sfogliare gratuitamente il libro in e.book può scaricarlo cliccando QUI.
Grazie, Julia Child!
A tutti, Bon Appétit!

Boeuf Bourguignon di Julia Child

Salva

Share Button

Comments

  1. says

    anch’io ho mangiato di recente il boeuf bourguignonne della child e confermo che è una cosa squisita, al punto tale che lo voglio rifare al più presto.
    bellissima presentazione!

  2. says

    Grazie per la tua partecipazione e visti i premi la ricetta di Julia Child è proprio azzeccata!!!
    un bacione da un’altra pugliese trapiantata 🙂

  3. says

    Ricambiando con piacere, sono venuta a farti visita…che esplosione di colori, sapori e soprattutto quanti contenuti svariati…vista l’ora tarda, ti seguo da oggi, per approfondire la lettura…da domani.
    Notte
    Claudia

  4. says

    @Cleare:
    Oh, grazie mille, cara! Provala, è più facile a farsi che a dirsi!
    I volumi separati sono uguali a quello unico, sì! Che io sappia ora c’è solo quello diviso in due, ma magari mi sbaglio… BUn bacione e benvenuta! 😀

  5. says

    i libri di Julia child! Madonna che brava che sei stata a rifare questa ricetta..io l’avrei fatta per ultima forse…hihihi Ma i 2 volumi separati son equivalenti al volume unico?

  6. says

    @Vale:
    Sei davvero gentile, mi fa piacere che metti l’amore nella tua cucina, è molto importante! Un bacione e benvenuta! 😀

    @La mal:
    Sono molto felice che ti piacciano le mie ricette, sei gentilissima! Un bacione e benvenuta nella mia cucina! 🙂

    @Chiaretta:
    Ciao carissima, grazie per esserti iscritta, mi fa molto piacere che apprezzi i miei cibi! Benvenuta, a presto! 🙂

    @Ingredientesegreto:
    è divinamente divinaaaaaaaaaaaa!!! Grazie sei troppo buona! E’ stato faticoso, ma il risultato è stato golosissimo!!! Baci 😀

    @Lecoq:
    Grazieeeeeeeeeee!!! Mi fai arrossire, grazie per i complimenti, non sai quanto mi diano forza per continuare a fare meglio!
    Un bacione e benvenuta! 🙂
    ps: il Lucano no, al massimo un amaro del Capo ^.^

    @Serena:
    E tu sei gentilissima! Grazie, faccio il possibile per renderlo simile a me! Un bacione! 😀

    @Laroby:
    a chi lo dici, e non la facevo mai… poi ho comprato il libro eheh 🙂
    Grazie a te per il sostegno! Baci!

    Dada ^.^

  7. says

    ma lo sai che questa ricetta è da quando ho visto il film che la vorrei fare??? oltre a desiderare il libro della child ma…in italiano!!! 🙂 il mio inglese non assicura la corretta riuscita delle ricette!!! quindi approfitto del tuo post fantastico per cimentarmi…grazie! un abbraccio

  8. says

    Ciao Dada! Eccomi qui, e sarò anche tua sostenitrice. D’altra parte come potrei diversamente? Hai un blog veramente intrigante, con una grafica ad oc che è veramente deliziosa, un mare di ricette da copiare…..cosa potrei volere di più….. no ti prego, non il Lucano, non mi piace!
    A prestissimo Lecoq

  9. says

    Ciao! Sono la cuoca ruspante! come vedi ho accolto subito il tuo invito!complimenti per il bellissimo blog! e ti ringrazio tanto e anche per i complimenti e per la fiducia!!!!volevo dirti che però mi sa che non ha preso la tua iscrizione…prova a verificare! Un bacione!!!

  10. says

    Hola!!!! Vedi, sono passata, e rimango meravigliata delle tue ricette! Già mi hai conquistato con le tue polpette falafel (amo più le verdure che la carne…) ma questo stufato qua sopra è da “forchettare”!

    A presto!

  11. says

    Ciao, grazie per essere tra i miei sostenitori, ora ti seguo anche io! Sai cosa dico sempre quando cucino e un piatto mi riesce bene? Che ho messo l’ingrediente segreto, l’amore! Vedo che non sono l’unica a pensarla così 😉
    A presto, buona domenica!
    Valeria

  12. says

    Piacere di conoscere te e il tuo splendido blog, grazie per la visita, divento subito tua sostenitrice così d’ora in poi ci seguiremo a vicenda. ^_^

  13. says

    @Chez Denci:
    Benvenuta, Debora! E’ un piacere averti qui in cucina! Un bacione 😀

    @Alessandra:
    davvero immensa!!! 🙂

    @Giovanna:
    Brava, lo penso anch’io 🙂
    Realizza delle prelibatezze, perfette e curate nei minimi particolari! Grazie, sono molto felice che il mio piatto rappresenti molto bene il libro e la cucina francese! Baci! 🙂

    @Aria:
    Grazieeeeeeeeee! Un libro è sempre un ottimo investimento per crescere in cucina! Baci e grazie per i complimenti! 😀

    @Dolci acque di terre bianche:
    Grazie mille, Katya! Fammi sapere come ti viene, se la provi! 😀 Baci!

    @Sabrine d’Aubergine:
    Hai proprio ragione! Io penso che il segreto per un piatto ben riuscito sia la cura e la lentezza nell’esecuzione, e questa ricetta è proprio giusta! E’ vero, sembra il brasato! Grazie mille per i complimenti, bacioni! 😀

    @Garlutti:
    Dev’essere davvero buona anche la vostra spagnola! Un bacione e grazie per le belle parole! 😀

    @Natalia:
    Grazie a te per aver apprezzato il mio impegno e dedizione! Un bacio grande! 😀

    Dada ^.^

  14. says

    Piatto sontuoso, che richiede di esser fatto a modo. Con precisione. Mi ricorda il nostro brasato, troppo spesso volgarizzato e invece nobilissimo…
    Bella la tua idea, bella la tua interpretazione. Belli quei volumi, ovviamente.
    A presto

    Sabrine

  15. says

    Hai fatto bene a comprare i libri di JC.
    E’ vero, è americana, ma non si cimenta con la cucina francese, la fa sua.
    Il tuo piatto rappresenta molto bene, lo spirito del libro e della cucina francese.

    Buon fine settimana Giovanna

  16. says

    @Mapi:
    Grazie milleeeeeeeeeeee!!! Benvenuta nella mia dolce cucina! Preparala e poi dimmi che te ne pare! baci!

    @I viaggi del goloso:
    allora ve lo consiglio vivamente! Baci!

    @Flavio:
    que libro è davvero divino, te lo assicuro! Un bacione e grazie!

    @Gunter:
    esatto, hai detto parole sagge! Mai dare nulla per scontato! Un bacione e benvenuto nella mia cucina! 😀

    @Luana:
    Grazie, cara! Benvenuta! Sono proprio contenta che ti piaccia così tanto! Grazie per esserti iscritta! ^.^

    @Fimere:
    oh, merci, Fimere! Un bacione 😀

    @Michelangelo in the kitchen:
    esatto, col tempo che c’è un bellissimo stufato ci sta sempre, poi se è della Child ancora di più! Baci e buon w.e.!

    @Damiana:
    Ho messo tutto il mio impegno e il risultato sembra davvero buono! Baci e grazie per i complimenti! 😀

    @Colores:
    eheheh prendine se vuoi! baci! 😀

    @Sere:
    e fai bene, devi provarlo, ne rimarrai estasiata! è una preparazione lunga, ma il risultato è divino!!! baci!

    @Viola:
    grazie mille, lo è, è golosissimo! lavorissimo e gustosissimo! 😀

    @Fantasie:
    se lo osanno, è solo dopo averlo comprato e provato! Fidati, non avrai brutte sorprese! E poi, se non sei convintissima, scaricalo gratuitamente, ho messo il link a fine post!
    bacioni! 🙂 La reine de saba è squisita, che modifiche hai apportato? 🙂

    Dada ^.^

  17. says

    @Odile:
    eheh sì, fa venire l’acquolina in bocca, lo ammetto! baci e buon w.e. a te!

    @Speedy70:
    Grazie mille! Un bacione 😀

    @Claudia:
    Woooow troppo buona! Mi fa piacere che ti piaccia il risultato di questa ricetta faticosissima! Il film è bellissimo, ma riuscire a realizzare una ricetta della Child lo è ancora di più! Splendido libro! Baci!

    @Eleonora:
    sto imparando pian piano a realizzare foto decenti, mi fa piacere che lo noti! Baci! 🙂

    @Scarlett:
    Grazieeeeeeeeeee!!! smack smack, buon w.e. a te!

    @Chiara:
    provalo, non te ne pentirai! baci! 😀

  18. says

    @Federica:
    io amo per lo più le verdure, carne pochissima, ma questo piatto è sublime, andava fatto! 😀

    @Marina@QCne:
    sì, e fai benissimo! E’ davvero molto interessante! Bacioni e buon w.e. a te! 🙂

    @Ely:
    un lavoro che non finiva mai, Ely, ma il risultato mi ha soddisfatta moltissimo!!! smack smack! 😀

    @Barchetta:
    Sì, troppo simpatica e una gran cuoca! Sei gentile ad apprezzare la mia cucina e il mio blog! Grazie infinite! Benvenuta! muah! 🙂

    @Federica:
    ti ringrazio per i complimenti! smack smack!

    @Rossella:
    Grazieeeeeeeee!!! un bacione a te ^.^

  19. says

    Sei la seconda persona che sento osannare questo libro (o meglio libri) per la cura delle ricette… lo devo proprio avere, allora!!!
    P.s. ricetta strepitosa… la reina de saba l’ho fatta anche io … anche se leggermente modificata!

  20. says

    Guardando il film anche a me,che sono un’appassionata di stufati,stracotti e spezzatini vari mi aveva incuriosita molto questa ricetta. Il tuo post mi ha tolto ogni dubbio (titubanze di chi è orgogliosamente italiano): lo proverò!!!!Grazie!!!!

  21. says

    brava hai avuto una bella riproporre una ricetta di julia child andare a verificare diretteamente è sempre la cose migliore, non dare mai niente per scontato

  22. says

    Ehi, ma che bello è il tuo blog?!?!
    Mi sono segnata subito tra i tuoi followers per non perderti di vista, anzi, di papilla!!! :-p

    Buonissima questa ricetta, è già finita nella mia to-do list!

  23. says

    Mi sto prr inchinare a te!!! Io avevo visto il film.. ed ero rimasta affascinata dalle ricette contenute in quel libro.. ed ora vedo che tu lo hai comprato ed hai realizzato una ricetta super!!!!!! che mi son semrpe rimpromessa di fare!!! Ammazza se t’è venuta bene!!! e poi hair agione.. descrive ogni procedimento di ogni ingr. dettagliatamente.. Bravissima direi!!!! smack buon w.e. .-)

  24. says

    mitica julia child!!!anch’io sto pensandi di comprare i suoi libri, chissà magari in futuro! carinissimo il tuo blog, fa proprio venir voglia di passare più tempo in cucina! a presto!!! 🙂

Commenta anche tu

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.